COME RAGGIUNGERCI

 

stazione TRASTEVERE

FR1, FR3, FR5

 

Tram: 8, 3

 

Bus: 170, 719

 

 

CARROZZERIE | N.O.T

 

Via P. Castaldi 28/a

00153 Roma

-Ponte Testaccio-

 

mobile +39 347-1891714

 

mail carrozzerienot@gmail.com

INFORMAZIONI RISERVATE AI SOLI SOCI

INGRESSO CON TESSERA ASSOCIATIVA

ANNA BASTI/CHIARA CAIMMI

UNLOCKING

proposta di sensibilizzazione e apertura in forma di workshop

CHI SONO ANNA BASTI E CHIARA CAIMMI?

Anna Basti e Chiara Caimmi incrociano i loro percorsi artistici nel 2012, collaborando come performers con la compagnia teatrale Muta Imago.

Dal 2016 cominciano a lavorare insieme, accomunate dal desiderio di indagare la realtà attraverso il corpo.

Questa indagine prende la prima forma nel progetto di ricerca Relax_nothing is under control, uno studio sugli effetti dei dispositivi di controllo sui corpi (in residenza a Macao_Milano, ex Asilo Filangieri_Napoli e presentato nella rassegna Cikorea presso Carrozzerie Not_Roma).

Nel 2018 gli stessi temi convogliano nel successivo progetto: Unlock, ad oggi in fase di costruzione (con il sostegno di Inteatro Festival, Centrale Fies e KOMM TANZ/Teatro Cartiera residenze Compagnia Abbondanza/Bertoni in collaborazione con il Comune di Rovereto). Parallelamente Anna a Chiara avviano un percorso di condivisione ed apertura delle tematiche e delle pratiche coinvolte nelle loro ricerche, attraverso Unlocking, dispositivo laboratoriale e performativo.

Due giorni di incontro e condivisione delle tematiche e delle pratiche connesse al progetto Unlock, rivolti a tutti i corpi possibili e immaginabili (a partire dai 14 anni)

Con il progetto UNLOCK anna basti e chiara caimmi hanno intrapreso un percorso di ricerca sull’azione che i dispositivi di controllo hanno sui nostri corpi. Alla luce di queste riflessioni, si sono dedicate all'approfondimento di pratiche corporee trasversali, capaci di mettere in discussione la relazione che nel quotidiano abbiamo con i nostri corpi.

 

Nel tempo che ci concederemo, faremo dei semplici esercizi di consapevolezza fisica, di cura del nostro e dell'altrui corpo, di allenamento ad uno sguardo differente, di apertura dell'ascolto. Sperimenteremo insieme pratiche corporee, linee teoriche, immagini, suggestioni. Rivolgeremo l'attenzione all'interno.

 

Attraverso l’utilizzo dei dispositivi che fanno parte della performance UNLOCK, avvieremo inoltre un discorso, sia pratico che teorico, sui condizionamenti che i nostri corpi (e di conseguenza i nostri pensieri, emozioni e possibilità) subiscono quotidianamente. Sperimenteremo i limiti, ma anche le possibili vie di fuga.

 

Tenteremo insieme una resistenza ai dispositivi di controllo, che passi per la consapevolezza, la cura, la comunità.

 

Prendersi un tempo per sé.

è necessario esperire con il proprio corpo.

rivolto a tutti i corpi possibili e immaginabili.

non è un laboratorio di danza.

non è un laboratorio di teatro.

è un momento in cui vogliamo condividere il percorso di ricerca.

 

Unlocking non è un percorso chiuso, ma si apre e si fa permeabile ai contesti in cui di volta in volta viene proposto.