COME RAGGIUNGERCI

 

stazione TRASTEVERE

FR1, FR3, FR5

 

Tram: 8, 3

 

Bus: 170, 719

 

 

CARROZZERIE | N.O.T

 

Via P. Castaldi 28/a

00153 Roma

-Ponte Testaccio-

 

mobile +39 347-1891714

 

mail carrozzerienot@gmail.com

INFORMAZIONI RISERVATE AI SOLI SOCI

INGRESSO CON TESSERA ASSOCIATIVA

TOTAL ECLIPSE OF A HEART

CHIARA TAVIANI | MARION ALZIEU

Il concetto di rottura è un concetto frequente, emotivo, sentimentale, personale quanto universale.
Compie sull'essere umano una sorta di spaccatura, di strappo, dalla quale ne esce una nuova pelle, una nuova visione. Il ciclo si ripete e si ricomincia.

Uno spopolarsi provvisorio, l'incoronare un epilogo, un'accento preciso sul distacco impietoso.
Siamo figli di generazioni pronte a lasciare terre, esseri cari, origini, semi, radici; stiamo imparando a farci i muscoli.

Le visioni di questo istante sono dilatate da una perdita di conoscenza di se stessi : non capiamo più un cazzo. Siamo privi di fiuto, di intuito, di spirito di guarigione.
Queste situazioni creano una sbalzo ritmico nelle reazione nelle immagini nei sentimenti. Ed è li che ci vogliamo incastrare per amplificarle e dilatarle.

Siamo alla ricerca dell'esaltazione di una fine. Siamo ai confini con una visione immaginifica e con la cruda realtà dei fatti. Siamo pronti.
Un inno quasi religioso e senza tempo, finali a ripetizione, campi di battaglia con epiloghi all'acqua di rose. Grandi aspettative per il prossimo.

Diversi spiragli, citazioni, immagini, messe in scena ci permetteranno di riflettere su questa dimensione di rottura. Comprenderli o meno è poco importante, intravederli è già

qualcosa.
Prendere un oggetto conosciuto e connotato e renderlo forma o immagine innovativa dedicata ad una nuova comprensione dell'atto del lascito. Sedurre nel profondo un istante di apprensione e renderlo compimento di bellezza. Riscoprirlo in sostanza.

Il nostro obbiettivo è quello di confrontarci nel modo più originale possibile con il tema meno originale possibile.

da un'idea di Chiara Taviani

Creazione ed interpretazione
Marion Alzieu
Chiara Taviani
residenza produttiva Carrozzerie n.o.t
altre collaborazioni in via di definizione

Produzione Compagnia C&C Compagnie Ma'

CHI E' CHIARA TAVIANI?

Inizia i suoi primi studi di presso l'accademia di danza classica Princesse Grace di Monaco (Fr) ed in seguito nel corso di formazione Spid Academy a Milano (It). Integra in seguito il corso professionale per interpreti contemporanei Coline a Istres (Fr) dove incontra e collabora con diversi coreografi quali : Emmanuel Gat, Edmond Russo et Shlomi Tuizer, Mathilde Monnier, Georges Appaix, Thierry Thieu Niang, Salia Sanou et Seydou Boro, Lisi Estaràs des Ballets C de la B. Nel 2010 inizia un'importante collaborazione con il gruppo di teatro fisico e danza Balletto Civile di Michela Lucenti. Incontra in seguito la coreografa Svizzera Linda Magnifico per l'opera Diccillù , ed il regista Marco Baliani nell'opera firmata Mauro Montalbetti Corpi Eretici prodotta dai Teatri di Reggio Emilia.

Nel 2011 fonda assieme a Carlo Massari la compagnia C&C che presenta ad oggi diversi spettacoli : Maria Addolorata, 012, Corpo e Cultura e Tristissimo presentati in numerosi festival nazionali ed internazionali come: Be Festival (Uk), Manipulate Dance Festival (Uk), Fringe Festival (Uk), Anticorpi XL (It), FuoriLuogo (It), Teatro La Tosse Genova (It), Interplay (It), Inequilibrio Festival Castiglioncello (It), Saana Fest ( Norway) etc...

I loro spettacoli ricevono inoltre diversi riconoscimenti come:

Prix du jury Les HiverOclytes / Les Hivernales d'Avignon (fr),Prix du jury Les Lendemains qui dansent (fr),2nd price in International Competition for choreographer in Hannover (D) Prix du public Konzert theatre (Ch) ,2nd premio Corto in Danza Cagliari (It),Special Mention to the choreography Premio Roma Danza (It).

Nel 2014-2015 segue il progetto di ricerca e creazione Prototype II a Royaumont (Fr) dove incontra Henrique Furtado Vieira, giovane coreografo Portoghese con il quale collabora per la creazione di 'Stand still you ever-moving spheres of heaven'.
Nel 2016 crea il solo Peurbleue con il sostegno di Residenza produttiva Carrozzerie n.o.t, Teatri di Vita, Residenza Idra che verrà presentato in prima Nazionale nel festival Roma Europa 2016 nel format creato da C&C: 3tracks4 in collaborazione con le artiste: Marion Alzieu (Fr) e Ayala Frenkel (Il).

Nel 2017 progetta di creare con diversi direttori cinematografici il documentario I dance Strange che vorebbe seguire le creazioni di diverse giovani compagnie.

CHI E' MARION ALZIEU ?

Nata in Francia, Marion si appassiona giovanissima alla danza in ogni sua forma. Inizia col studiare la danza Hip-hop, poi danza classica e danza moderna nel centro modern dance di James Carlès a Toulouse (Fr). Scopre in seguito la danza contemporanea presso i workshop di Peter Mika, Olga Cobos e Luc Jacobs.

Tra il 2008 ed il 2010, segue il corso di formazione professionale Coline à Istres (Fr), durante il quale collabora con diversi coreografi quali : Emanuel Gat, Lisi Esteras, Shlomi Tuizer, Salia Sanou, ed altri ancora. Parallelamente continua i suoi studi di Hip-hop per una decina d'anni.

In seguito alla sua formazione segue come stagista la compagnia Emanuel Gat Dance Company, integra in seguito la Jasmin Vardimon Dance Company a Londra, e lavora alla Royal Opera House durante tutto il 2011.

Sempre in cerca di nuove esperienze, nel 2012 segue la formazione professionale presso il CDC la Termitière di Ouagadougou nel Burkina Faso per 3 mesi durante i quali incontra diversi coreografi Africani.
Al suo rientro in Francia , Marion lavora per la compagnia Mouvements Perpétuels diretta da Salia Sanou. Oltre ad essere interprete di diverse sue creazione diventa anche assistente di nuomerosi suo lavori di strada per danzatori amatori.

Sempre nel 2012, inizia a lavorare per due giovani coreografi ; Hervé Chaussard (Cie The Will Corporation) e Amala Dianor (Cie Kaplan).
Nel 2014 inizia anche la sua collaborazione con il coreografo Serge Aimé Coulibaly (Cie Faso Danse Théâtre).

Parallelamente al suo percorso d'interprete inizia a creare il suo linguaggio da coreografa. Nel 2013 crea il duetto En terre d'attente per il Festival FIDO (Burkina-Faso) diretto da Irène Tassembedo per poi presentarlo nel Festival Off di Avignon nel 2014.
Nel 2014 crea il solo Ceci n'est pas une femme blanche che riceve diversi riconoscimenti : 3rd price Festival Corto In Danza (Cagliari-Italie), 2nd jury price and Audience award Solo Dance Contest (Gdansk-Pologne), 2nd jury price HiverÔclites (Avignon-France), 2nd jury price International competition for choreographers Burgos (Burgos/New York). Nel 2015 fonda cosi la sua propria compagnia MA'.