TOOTSIE ROLL

Chiara Taviani

Senza titolo.png
Senza titolo.png1.png
Senza titolo.png1.png
Senza titolo.png1.png
Senza titolo.png

Un progetto di ricerca coreografica che unisce varie teste creative nell’indagine del macro-tema della percezione umana del mondo per poi specificarsi sulla fantasia, sulle condizioni di verità dell’immagine e sul senso soggettivo ed oggettivo del reale.
Analizzando il potenziale narrativo dell’immagine attraverso forme figurative, il gruppo elabora collettivamente un simbolismo scenico. Non tralasciando il potere associativo del linguaggio che viene decorticato come un nuovo abbecedario.
Attraverso il corpo ci spingiamo nella creazione del fantastico; architettando congegni narrativi fisici e verbali suggeriamo l’apparizione di nuove forme che spingono a riflettere sulla percezione del visibile e dell’invisibile. Una visione inattesa e improvvisa che priva di elaborazione razionale ci appare per quello che è: una combinazione di elementi estetici; sacri quanto sociali, conosciuti quanto sconosciuti.
Una accurata composizione di corpi che spaziano dalla riproduzione visiva dell’Atlante di botanica poetica di Francis Hallé fino alle tavole ironicamente definite “anatomiche” di Claudio Romo o ancora corpi che si esercitano nella rielaborazione di Histoires naturelles des animaux imaginaires di Hélène Rajcak et Damien Laverdunt.


Tutto questo è fonte di spaesamento.

Un progetto di Chiara Taviani.
In collaborazione con Loretta D’Antuono.
Con il supporto alla drammaturgia di Carmelo Alú.

 

Una co-produzione di Mare Culturale Urbano Milano e Atelier 26 Monaco Francia.

 

Con il supporto di Residenza KOMM TANZ 2020-
Abbondanza e Bertoni

Residenza produttiva Carrozzerie n.o.t
di Roma e U.O.T Unità organizzazione teatrale Parma.

Ispirazioni:

Genere Fantastico letterario.
Il Fantastico va oltre i generi narrativi, poiché li contiene tutti. Quindi forse è più corretto chiamarlo modo letterario, anche se viene definito dagli esperti come un metagenere letterario. Il Fantastico sovrasta le altre letterature, le domina dall’alto della sua indefinibilità.
Tutte queste realtà, presenti e allo stesso tempo eteree, rappresentano l’avventura che non può vivere. Non una fuga dalla realtà, ma la prospettiva, seppur mentale, onirica, di una ulteriore vita da vivere fra le pagine del libro.


Drôlerie

Una drôlerie rappresenta un riccio decorativo posto al margine dei manoscritti medievali. Sono caratterizzate da fantasie comiche e altamente grottesche, quasi a voler esprimere la visione dell’autore in modo del tutto surreale.

16299128_126484831198072_559217665563835

CHI E' CHIARA TAVIANI?

Dopo una prima formazione in danza classica presso l’accademia Princesse Grace di Monaco, si orienta in seguito verso una carriera contemporanea e teatrale presso la formazione Coline di Istres- Marsiglia dove incontra e collabora con Emmanuel Gat, Edmond Russo e Shlomi Tuizer, Mathilde Monnier, Georges Appaix, Salia Sania e Seydou Boro e Lisi Estaràs. Dal 2010 stringe una stretta collaborazione con Balletto Civile di Michela Lucenti e nel 2011 fonda assieme a Carlo Massari la C&C company con la quale riceve importanti riconoscimenti in Italia e all’estero. Dal 2016 collabora
come artista indipendente con Marion Alzieu (Total Eclipse), Henrique Furtado Vieira (Stand still you ever-moving spheres of heaven) e Alexandra Grimal per la sua prima opera La vapeur au-dessus du riz prodotta dalla Scène nationale di Orléans. Dal 2017 avvia un progetto di formazione alla danza per amatori e semi-professionisti I dance strange sostenuto da varie strutture italiane. Nel 2019 il suo nuovo spettacolo debutta a Romaeuropa Festival e nel 2020 è ufficialmente un'artista Aerowaves Twenty20.