JOHN CASSAVETES. Un film di Jean-Luc Godard / JEAN-LUC GODARD. Un film di John Cassavetes. 

un percorso di studio a cura di Samuele Chiovoloni*

* #whyNOT percorsi di ricerca e formazione a partecipazione gratuita in collaborazione con gli artisti

-workshop annullato causa covid 19-

John Cassavetes e Jean-Luc Godard rappresentano due estremità mitiche nel novero dei narratori delle vicende umane e sociali.
Nati sotto il segno del sagittario, ad un anno di distanza nelle due capitali del mondo libero (New York e Parigi), hanno entrambi iniziato a perturbare il loro ambiente di provenienza dai primissimi anni ‘60, rivoluzionando la tecnica o il metodo di produzione del cinema, il contenuto o la forma del mezzo.

John Cassavetes è il capo pirata del cinema indipendente americano. Un poeta anarchico e selvaggio disperatamente innamorato di sua moglie ma ossessionato dalle stanze segrete della notte, del tradimento e della follia. Un ossesso conservatore, un maschilista romantico.

Jean-Luc Godard è teoria incarnata nel corpo e nell’esprit di un agitatore culturale. Un maestro così iconoclasta che giunto al successo di pubblico già dal primo film ha trascorso i successivi 60 anni a cancellare le origini del suo mito (rinnegando i suoi primi film di successo, a partire da A bout de suffle – Fino all’ultimo respiro). Un demistificatore ironico, un messia autolesionista.

La proposta di lavoro inerente al progetto è quella di sfruttare parallelamente la vita e l’opera di questi due straordinari maestri.

Di studiarne ed analizzarne creativamente e operativamente i metodi e lo stile, andare alla radice, alle ragioni dell'icona.

E simulare, battere le piste fino a trovarne il fondo, barare e smettere di barare, riprovarci fino all'ultimo e trovare una sintesi possibile fra sistema e improvvisazione, intuizione e ordinamento dei segni.

RIVOLTO A : Studiosi, attori, autori (Massimo 15)

Modalità di partecipazione, candidatura e selezione

Inviare entro il 15 marzo un commento di un film di John Cassavetes o Jean-Luc Godard (libera scelta del candidato in base alla conoscenza, apprezzamento o interesse per l'uno o l'altro).  

Obiettivo della lettera/commento non è tanto un rilievo degli aspetti tecnici (ne parleremo poi, se ne parleremo) ma l'annotazione dei momenti di meraviglia, delle note stilistiche che vanno a segno nello spettatore, i momenti unici (cos'è un momento unico?)

CHI E' SAMUELE CHIOVOLONI?

Studioso, regista e autore (classe 1987) si dedica alla scrittura, alla semiotica, al cinema, alla filosofia e poi al teatro (ma non necessariamente in quest'ordine).

Si forma all’interno di Teatro di Sacco dal 2009, a Perugia sua città natale.
Prosegue lo studio teatrale con Danio Manfredini, Naira Gonzalez, Cesare Ronconi, Fabrizio Arcuri, Alessandro Serra, Massimiliano Civica, Daniele Timpano, Elvira Frosini, Letizia Russo, Michele Santeramo, Silvia Gallerano, Cristian Ceresoli, Fabio Geda (Scuola Holden) e Yasmina Reza in Biennale College.

Firma regie e riscritture di narrativa o classici da Shakespeare, Cechov, Yates, Wilde, Pasolini o si dedica all'allestimento di autori contemporanei come per Combustibili di Amelie Nothomb, Almost, Maine di John Cariani o Le Pays Lointain di Jean-Luc Lagarce

Dal 2014 al 2017 è stato responsabile delle attività di Teatro di Sacco e dal 2016 è coordinatore artistico di Collettivo Cantiere – Laboratorio Permanente.
Dal 2017 lavora con Fontemaggiore Centro di Produzione come insegnante, autore e regista e con il Teatro Stabile dell’Umbria.
Nell'ultimo anno ha collaborato alle attività del Piccolo Teatro degli Instabili di Assisi come autore, regista e formatore.
Regista di Compagnia Indipendente dei Giovani Umbri.
Regista e autore per progetti di Associazione Culturale Argo.

COME RAGGIUNGERCI

 

stazione TRASTEVERE

FR1, FR3, FR5

 

Tram: 8, 3

 

Bus: 170, 719

 

 

CARROZZERIE | N.O.T

 

Via P. Castaldi 28/a

00153 Roma

-Ponte Testaccio-

 

mobile +39 347-1891714

 

mail carrozzerienot@gmail.com

INFORMAZIONI RISERVATE AI SOLI SOCI

INGRESSO CON TESSERA ASSOCIATIVA